ultime dal campo

Play off: il regolamento per arrivare alla serie B

play off lega pro stagione 2016_2017

Da quest’anno il regolamento della Lega Pro prevede i play-off allargati, con la partecipazione di ben 28 squadre per un totale di 39 partite, in cui saranno coinvolte le squadre dei tre gironi classificate dal secondo al decimo posto più la vincente della Coppa Italia di Lega Pro (vinta dal Venezia sul Matera, ma sarà il girone C ad usufruire del posto libero in quanto i lagunari accedono alla serie B direttamente avendo vinto il proprio girone) .

Ma come funzionano i play-off di Lega Pro? La corsa per la promozione in Serie B attraverso i play off sarà combattutissima e vedrà spuntarla solo chi riuscirà ad eliminare tutte le altre concorrenti, dopo il lungo ed estenuante campionato di Lega Pro.

Se Venezia e Foggia sono ormai certe di approdare in Serie B, tutto è ancora aperto nel girone A, dove a 90′ minuti dalla fine del campionato Cremonese e Alessandria si contendono il primo posto: al momento appaiate in testa alla classifica con 75 punti ma con i lombardi in vantaggio nello scontro diretto e con l’ultima gara da disputare in casa contro la cenerentola del girone A, la Racing Roma.
La Lega Pro, attraverso un comunicato apparso sul sito ufficiale il 27 aprile, ha apportato una significativa modifica al regolamento play-off di Lega Pro, in merito alla seconda fase.

Precedentemente, in caso di parità di punteggio e di differenza reti al termine delle gare di andata e ritorno della seconda fase, le due squadre avrebbero dovuto disputare i tempi supplementari ed eventualmente i calci di rigore per decidere quale squadra sarebbe approdata al turno successivo.
Con la nuova modifica invece, in caso di parità di punteggio e di differenza reti al termine delle gare di andata e ritorno della seconda fase, accede ai quarti di finale la squadra con il miglior piazzamento in campionato (nel caso in cui le squadre si fossero piazzate allo stesso posto nel corso della stagione regolare, approda alle final eight la squadra che avrà ottenuto il maggior numero di punti, e successivamente maggior numero di vittorie, il maggior numero di reti segnate e, in ultimo, la minor media età tra i calciatori impiegati.

Regolamento play off Lega Pro 2016-2017

Secondo il nuovo regolamento dei playoff di Lega Pro, le prime classificate di ogni girone potranno ottenere matematicamente la promozione in Serie B, mentre la quarta squadra promossa sarà la vincente dei play off.
Come funzionano i playoff di Lega Pro?
Da quest’anno saranno 28 le squadre partecipanti agli spareggi: tutte le squadre piazzatesi tra il 2°e il 10° posto di ognuno dei tre gironi più la vincitrice della Coppa Italia Lega Pro:
Play off Lega Pro Calendario play-off Lega Pro
Prima fase (gara unica) 14-05-2017
Seconda fase (andata/ritorno) 21-05 / 24-05
Quarti di finale (andata/ritorno) 31-05 / 04-06
Semifinale (gara unica) 13-06 / 14-06
Finale (gara unica) 17-06-2017

Dove si giocherà la finale playoff di Lega Pro?
La finalissima dei play-off della Lega Pro 2017, così come le due semifinali, si disputerà allo stadio Artemio Franchi di Firenze il 17 giugno 2017. Come dichiarato dal presidente Gravina, Firenze diventerà sede permanente delle finali play-off, ed è stata scelta in quanto città sede della Lega, nata con Artemio Franchi.

Chi accede ai play-off di Lega Pro?

Alla prima fase dei play off Lega Pro partecipano 24 squadre, piazzatesi tra il 3° e 10° posto dei tre gironi (tra il 4° e l’11° posto per il girone C dove il Matera accede direttamente alla seconda fase in quanto finalista della Coppa Italia di Lega Pro), per un totale di 12 partite. In caso di parità alla fine dei 90 minuti, accederà alla seconda fase la squadra con il miglior piazzamento in classifica nella stagione regolare.
Ecco come si giocherebbero i play-off dopo il 36° turno:

Prima fase playoff Lega Pro

3° vs 10° (4° vs 11° gir. C)
4° vs 9° (5° vs 10° gir. C)
5° vs 8° (6° vs 9° gir. C)
6° vs 7° (7° vs 8° gir. C)

Alla seconda fase dei play off di Lega Pro prenderanno parte le 12 squadre vincenti della prima fase, più le seconde classificate di ciascun girone e la vincitrice della Coppa Italia Lega Pro (in questo caso sarà la finalista Matera). Al termine dei 180′ di gioco in caso di parità di punteggio si terrà conto della differenza reti, e in caso di un ulteriore pareggio accede al turno successivo la squadra con il miglior piazzamento in classifica.
Questi i probabili abbinamenti a 90′ minuti dalla fine:

Gara 1 2° Girone A (Alessandria) vincente 5° vs 8° Girone C
Gara 2 2° Girone B (Parma) vincente 6° vs 7° Girone A
Gara 3 2° Girone C (Lecce) vincente 6° vs 7° Girone B
Gara 4 vincitrice Coppa Italia Lega Pro* (Matera) vincente 6° vs 7° Girone C
Gara 5 vincente 3° vs 10° Girone A vincente 4° vs 9° Girone C
Gara 6 vincente 3° vs 10° Girone B vincente 5° vs 8° Girone A
Gara 7 vincente 3° vs 10° Girone C vincente 5° vs 8° Girone B
Gara 8 vincente 4° vs 9° Girone A vincente 4° vs 9° Girone B

*Alla seconda fase accede la squadra vincitrice della Coppa Italia di Lega Pro, purchè:
– non arrivi prima nel rispettivo girone;
– non arrivi ultima nel girone di appartenenza;
– non partecipi ai play-out.
In caso di tale ricorrenza approda alla seconda fase la squadra finalista.
Vista la partecipazione di Venezia e Matera alla finale della Coppa Italia di Lega Pro, e visto il primo posto raggiunto matematicamente dal Venezia nel girone B, il Matera accede di diritto alla seconda fase.

Accedono alla terza e ultima fase le 8 vincenti della seconda fase, che si giocheranno la promozione in Serie B in un mini-torneo: le 4 gare dei quarti di finale verranno accoppiate in tabellone attraverso un sorteggio che determinerà anche semifinali e finale. I quarti si disputeranno con gare di andata e ritorno, mentre le ultime tre gare si giocheranno in gara unica su un campo neutro, che sarà Firenze stadio Artemio Franchi, deciso dalla Lega Pro: in caso di parità si disputeranno  due tempi regolamentari da 15 minuti l’uno, ed eventualmente i calci di rigore.
Play off: il regolamento per arrivare alla serie B ultima modifica: 2017-05-05T17:39:19+00:00 da Francesco Inzitari

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*