ultime dal campo

Giana Erminio irriconoscibile: svanisce il sogno?

Risultati 36 giornata lega pro Giana Erminio Pro Piacenza 1-2

Gorgonzola, 23.04.2017 – Arriva la seconda sconfitta consecutiva, ottava stagionale, la quinta in casa dopo quattro vittorie consecutive (Olbia, Lupa Roma, Renate e Piacenza), dopo il magnifico periodo in cui gli uomini di Cesare Albè hanno incantato per gioco e risultati, con una prestazione al di sotto delle aspettative. Come dichiarato dal mister in sala stampa, i Biancazzurri sono sembrati scarichi, appagati dalla qualificazione ai play off, sotto ritmo e prevedibili, un calo fisiologico che ci può stare in questa fase del campionato, che non compromette il cammino futuro ma che lascia qualche perplessità sulle condizioni fisiche e psicologiche del gruppo.
Bisogna dire che la Giana Erminio ha rinunciato al suo centrocampo stellare in vista del post campionato dando un turno di riposo ai due uomini più tecnici della rosa Marotta-Pinardi, e senza Simone Perico squalificato. Certo è che sarebbe stato fondamentale vincere per blindare il quinto posto matematico e, perché no, agganciare il Livorno al quarto posto avvicinando anche l’Arezzo al terzo posto.
Diventa importante chiudere la stagione nei primi sei posti in classifica, che dà diritto a disputare in casa il primo turno dei play off e avendo a disposizione due risultati su tre nello scontro diretto, quindi anche con un risultato di parità nei 90 minuti sarebbe la Giana a passare al turno successivo. A due giornate dalla fine, con il 5° posto attuale l’avversario sarebbe la squadra classificata all’ottavo posto e in questo momento si chiama Viterbese …..

La sconfitta contro la Pro Piacenza (reduce da 3 stop consecutivi) è un campanello dall’allarme, non tanto per la sconfitta ma per la mancanza di gioco e di occasioni da rete. Non eravamo più abituati a vedere così pochi tiri nello specchio della porta avversaria, nonostante un Sasà Bruno in splendida forma che ha realizzato il suo 17° centro stagionale, così come non ci capitava da molto tempo di vedere i nostri due esterni Augello e Iovine non riuscire a sfondare sulle fasce.
Un’involuzione momentanea dovuta all’approccio alla gara? E’ quello che tutti i tifosi si augurano!
Intanto, già a Prato sarà fondamentale fare risultato …. un terzo stop consecutivo inciderebbe molto negativamente su tutto l’ambiente biancazzurro e con i play off dietro l’angolo non sarebbe una prospettiva incoraggiante. E’ necessario ritrovare quello spirito incosciente e vincente che ha caratterizzato lo splendido girone di ritorno, quella facilità di proporre un gioco spumeggiante e tecnico che ci ha fatto sognare e che ci ha forse illuso di avere una macchina da goal capace di giocarsela con tutti e forse in grado di far saltare il banco, un po come il Leicester di Ranieri.
Sarà un caso, ma da quando tutti i maggiori quotidiani e tv nazionali hanno iniziato a seguire più attentamente la sorpresa Giana Erminio è iniziata la fase negativa, mi riferisco alla brutta prova di Arezzo che comunque ha portato al pareggio in estremis pur giocando una partita anonima, poi la sconfitta di Pontedera in cui sono mancate sia le occasioni da rete che i tiri nello specchio della porta e per finire l’ultima sconfitta con l’assenza del gioco in primo piano.
In compenso nell’ultimo periodo la dirigenza ha ostacolato tutte quelle testate che da sempre seguono la Giana Erminio, con motivazioni ridicole poi smentite dai fatti, prima con il divieto di assistere agli allenamenti per non distrarre i ragazzi, poi con il silenzio stampa imposto ai giocatori nonostante le migliaia di kilometri che gli addetti stampa si sono sobbarcati per andare a Roma o Viterbo, salvo poi consentire alla Rai o “altri soggetti” ritenuti più rappresentativi, di essere protagonisti e attivamente presenti nelle ultime settimane.
Una strategia deludente che mette in discussione il futuro di questa testata nata per esaltare l’ambiente Biancazzurro in tutte le sue sfaccettature e che, con molta probabilità, rivedrà il proprio impegno al termine di questa bellissima esaltante stagione.

Al Presidente Bamonte voglio dire che ilovegiana.it non ha mai ostacolato o disturbato l’ambiente ma al contrario ne ha esaltato la grande professionalità e competenza prima ancora che la Giana Erminio divenisse la grande macchina da guerra che Cesare Albè e i suoi grandi collaboratori hanno sapientemente costruito.

GIANA ERMINIO-PRO PIACENZA 1-2
Pesenti al 17′, Bruno al 48′, Musetti all’81’.

Giana Erminio (3-4-1-2): Viotti; Rocchi (Ferrari 60′), Bonalumi, Montesano; Iovine, Pinto, Biraghi, Augello; Chiarello (Appiah 47′); Okyere (Greselin 73′), Bruno. A disp: Sanchez, Tremolada, Sosio, Marotta, Greselin, Capano Appiah, Perna, Ferrari. Allenatore: Cesare Albè

Pro Piacenza (4-4-2): Fumagalli; Calandra, Belotti, Bini, Sane; Rossini, Pugliese (Girasole 47′), Aspas (Manganelli 76′), Barba (Bazzoffia 31′); Pesenti, Musetti. A disp: Bertozzi, Sall, Bianco, Martinez, Tardin, Girasole, Gomis, Avanzini, Manganelli, Cassani, Bazzoffia, Pozzi. Allenatore: Fulvio Pea.

Direttore di gara: Signor Aristide Capraro di Cassino. Assistenti: Signori Francesco Alessandro Iovine di Napoli e Gabriele Nuzzi di Valdarno

Marcatori: Pesenti 17’, Bruno 48′, Musetti 81′
Recupero: 3’ pt, 4’ st
Angoli: 3-5
Spettatori: 1.154 (676 paganti + 192 abbonati)
Ammoniti: Augello 41’, Calandra 46′, Pinto 60′, Okyere 63′, Bonalumi 78′, Iovine 83’, Belotti 87′, Fumagalli 90.

Giana Erminio irriconoscibile: svanisce il sogno? ultima modifica: 2017-04-23T15:44:39+00:00 da Francesco Inzitari

4 Commenti su Giana Erminio irriconoscibile: svanisce il sogno?

  1. Quando ci si sente appagati dei risultati raggiunti ecco che cominciano le figure di merda, non è mia intenzione mettere la croce addosso a nessun ragazzo ma credo che quelli che stanno dietro alle “”quinte”” dovrebbero avere un Po più di rispetto per tutto quello che è l’ambiente esterno, ovvero a chi davvero vuole bene e sta a cuore la squadra.

    • ANTONIO CASSAGHI // 25 aprile 2017 a 18:21 // Rispondi

      QUANDO LA SQUADRA NON E’ AL COMPLETO VENGONO FUORI I LIMITI SENZA DIMENTICARCI SONO DI BUON LIVELLO. COMUNQUE I RAGAZZI DEVONO CONTINUARE E CREDERCI SINO ALLA FINE . ANTONIO

  2. Silenzio stampa ridicoli.rispetto per chi ama la giana senza secondi fini.a proposito gara da…illecito

  3. ANTONIO CASSAGHI // 25 aprile 2017 a 18:23 // Rispondi

    VOLEVO DIRE CHE TUTTE LE SQUADRE SONO DI BUON LIVELLO E NESSUNA LASCIA LE COSE AL CASO

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*