ultime dal campo

Coppa Italia: il 7 agosto a Gorgonzola arriva il Renate

Coppa italia Lega Pro vincitrice 2015_16 Foggia

La Lega Pro ha ufficializzato la composizione dei primi sette gironi di Coppa Italia Lega Pro 2016/2017. Gli avversari dei Biancazzurri sono il Lumezzane e il Renate con il quale dovrà confrontarsi per accedere al turno successivo. Le gare non saranno di andata e ritorno, quindi ogni squadra disputerà due gare una in casa e l’altra in trasferta. La Giana Erminio debutterà domenica 7 agosto (orario ancora da definire) in casa contro il Renate ed in caso di vittoria, la partita successiva si disputerà a Lumezzane il 21 agosto; in caso di sconfitta invece si andrà a Lumezzane il 13 agosto.

Per ora i gironi sorteggiati sono solo sette,  i successivi quattro gironi, dall’H alla M, verranno formati dalle 12 squadre che completeranno il quadro delle società partecipanti al prossimo torneo di Lega Pro, dopo l’analisi della documentazione presentata dalle squadre aspiranti al ripescaggio. Quindi il tabellone completo sarà definito dopo il 4 Agosto, quando saranno state decise le squadre ripescate.
La prima giornata verrà disputata il 7 agosto, le successive due giornate il 13 e il 21 agosto e verranno determinate, dai risultati della prima.

Girone A: Giana Erminio, Lumezzane, Renate.
Girone B: Piacenza, Parma, Pro Piacenza.
Girone C: Mantova, Santarcangelo, Venezia.
Girone D: Lucchese, Pistoiese, Prato.
Girone E: Gubbio, Sambenedettese, Viterbese.
Girone F: Catanzaro, Monopoli, Virtus Francavilla.
Girone G: Akragas, Catania, Siracusa.

Per determinare le squadre classificate al primo posto di ogni girone, si terrà conto dei punti in classifica acquisiti nel girone eliminatorio. In caso di parità di punteggio si terrà conto:
1. della differenza reti nelle gare di girone;
2. del maggior numero di reti segnate;
3. del maggior numero di reti segnate nella gara esterna di girone;
4. del sorteggio.

Coppa Italia: il 7 agosto a Gorgonzola arriva il Renate ultima modifica: 2016-07-29T11:57:34+00:00 da Francesco Inzitari

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*